Chirurgia protesica e compartimento posteriore: un connubio possibile?